Fisioterapia-riabilitazione.com - Sito interamente dedicato alla riabilitazione, fisioterapia, riabilitazione sportiva e alle molteplici patologie.

 
 

Ionoforesi elettroterapia

Ionoforesi elettroterapia

Elettroterapia ionoforesi è un tipo di elettroterapia antalgica che usa la corrente continua unidirezionale al fine di trasportare medicamenti allo stato ionico, evitando così di iniettare i medicinali attraverso aghi ma utilizzando, appunto,  lo stato di ione del medicinale stesso senza provocare dolore.

La corrente veicola gli ioni medicamentosi verso l'elettrodo di polo opposto. Gli ioni farmaceutici trovano il canale di passaggio attraverso i dotti piliferi e le ghiandole sudoripare.
Nel derma profondo parte degli ioni vanno nel circolo capillare mentre la restante parte legandosi alle proteine si accumula in depositi attivi a lenta cessione.

La ionoforesi è una terapia indicata anche per contrastare l'inestetismo della cellulite.

La ionoforesi viene fatta con un apparecchio che ha due elettrodi (uno positivo e l'altro negativo) di gomma speciale conduttiva con cui viene dato il farmaco scelto per la terapia.

La fiala del farmaco viene distribuito su una delle superfici assorbenti degli elettrodi che viene poi messo nel punto in corrispondenza della zona da trattare, mentre l'altro elettrodo sarà posizionato in vicinanza dell'altro.

Dopodichè c'è il trattamento vero e proprio accendendo l'apparecchio che attraverso la corrente trasporterà gli ioni del farmaco nelle zone che necessitano di questo particolare trattamento di elettroterapia denominata ionoforesi.

I vantaggi della ionoforesi sono diversi in quanto permettono di introdurre nell'organismo, direttamente nella zona da trattare, sostanze “pure” assolutamente senza dolore e senza apportare alcun danno ad altri organi, permette agli ioni di legarsi a determinate proteine con la conseguenza di aumentare il tempo di permanenza in circolo della sostanza medicinale, migliora il trofismo dei tessuti superficiali e profondi.

La elettroterapia ionoforesi è controindicata  nei soggetti con presenza di pace-maker, mezzi di sintesi metallici, lesioni cutanee, epilessia, ipoestesia cutanea.

Trackback URL for this post:

http://www.fisioterapia-riabilitazione.com/trackback/34

La cartilagine del ginocchio

Per la riparazione delle lesioni cartilaginee più ampie, è stato dimostrato, attraverso la sperimentazione, che la cartilagine, in determinate condizioni può essere rigenerata. Questo avviene attualmente, nella pratica clinica, con una tecnica che consiste in due distinti interventi.
Inizio pagina

I contenuti e le notizie di Fisioterapia-riabilitazione.com vengono riportate per mero scopo conoscitivo dal Centro Fisioterapico Prisma S.r.l e non vogliono in alcun modo sostituire il parere di un fisioterapista. Autorizzazione Regionale n° 129 e P.Iva 02903640247