Fisioterapia-riabilitazione.com - Sito interamente dedicato alla riabilitazione, fisioterapia, riabilitazione sportiva e alle molteplici patologie.

 
 

Fratture dell'epifisi prossimale della tibia

Fratture dell'epifisi prossimale della tibia

Le fratture dell'epifisi prossimale della tibia sono note anche con il nome bumper injuries e sono causate da cadute dall'alto o atterraggi in rotazione-compressione.
Le sollecitazioni in varo o in valgo causano lesioni legamentose o/e fratture all'estremità prossimale della della tibia se sono accompagnate a forze di compressione.
Le fratture scomposte sono considerate tali qualora l'affossamento è superiore a 3 mm.

Il trattamento generalmente viene applicata una terapia chirurgica che consiste nella riduzione e nella sintesi con fissaggio interno a mezzo di viti o placche.
Nelle fratture accompagnate ad affossamento articolare è necessario colmare la perdita d'osso con un trapianto di tessuto osseo al fine di ricostruire il piano articolare.

L'attesa per la ripresa dell'attività sportiva è piuttosto lunga in quanto si deve attendere la completa guarigione ossea e la riparazione di eventuali lesioni condrali e il trattamento di eventuali lesioni capsulo-legamentose o meniscali. Per quanto riguarda lo sport agonistico i tempi di ripresa variano da 4 a 6 mesi.

Trackback URL for this post:

http://www.fisioterapia-riabilitazione.com/trackback/41
Argomento: Fratture dell'epifisi prossimale della tibia
Link: http://www.fisioterapia-riabilitazione.com/frattura-tibia.html

Il colpo di frusta

Il colpo di frusta detto anche whip lash viene associato comunemente alla porzione cervicale, ma dal punto di vista osteopatico la cosa è decisamente diversa... La porzione cervicale è solo una delle parti coinvolte nelle compiesse modificazioni che avvengono in seguito a tale trauma.
Inizio pagina

I contenuti e le notizie di Fisioterapia-riabilitazione.com vengono riportate per mero scopo conoscitivo dal Centro Fisioterapico Prisma S.r.l e non vogliono in alcun modo sostituire il parere di un fisioterapista. Autorizzazione Regionale n° 129 e P.Iva 02903640247