Fisioterapia-riabilitazione.com - Sito interamente dedicato alla riabilitazione, fisioterapia, riabilitazione sportiva e alle molteplici patologie.

 
 

Artroscopia: approfondimenti

Artroscopia: approfondimenti

L'artoscopia, nata come mezzo diagnostico per vedere dentro l’articolazione, è diventata successivamente una tecnica chirurgica.
Essa consiste nel visualizzare un'articolazione, attraverso un dispositivo ottico; infatti può essere praticata oltre che nel ginocchio anche nella spalla e nella caviglia.
Dopo aver gonfiato con liquido fisiologico l’articolazione, si praticano due piccole incisioni di circa 5 mm attraverso le quali si introducono la fibra ottica e gli strumenti chirurgici.

Il paziente si ricovera a digiuno il giorno dell’intervento, con gli esami pre-operatori pronti; gli viene effettuata l’artroscopia, intervento che dura in media 20-30 minuti, e, se il decorso è regolare, viene dimesso il giorno stesso. Utilizzerà poi le stampelle per un periodo variabile a seconda dell’intervento eseguito ed eseguirà degli esercizi fisioterapici.

Le strutture che si possono osservare durante l’artroscopia sono:
i menischi
le cartilagini articolari
i legamenti crociati, anteriore e posteriore
la membrana sinoviale.

I menischi che servono ad aumentare la superficie di contatto e distribuire i carichi tra tibia e femore sono due, interno ed esterno e hanno una forma a semiluna.
Il danno al menisco si può manifestare su tutta la sua superficie o soltanto in parte.
Il vantaggio dell’artroscopia è di rimuovere o riparare, in modo selettivo, la sola parte danneggiata.

Le cartilagini articolari ricoprono le superfici ossee della tibia, femore e rotula.
Hanno lo spessore di qualche millimetro e scivolano una sull’altra; la loro superficie liscia garantisce l’assenza di attrito nel movimento.
Quando la cartilagine si fessura o si consuma, perdendo la caratteristica levigatura liscia, inizia il quadro di “condropatia” cioè di sofferenza della cartilagine che può giungere al grado di erosione ed alterazione che caratterizza l’artrosi.

I legamenti crociati, anteriore e posteriore, sono due fasci fibrosi che uniscono la tibia ed il femore, mantenendo stabile il ginocchio. Il legamento crociato anteriore (LCA) è danneggiato più frequentemente rispetto al posteriore essendo più sottile e meno resistente e maggiormente sollecitato durante i movimenti di rotazione. La rottura del LCA provoca il cedimento dell’articolazione per cui è necessario ricostruire il legamento con un trapianto tendineo.

La membrana sinoviale è un manicotto fibroso che riveste l’articolazione e produce il liquido sinoviale che nutre e protegge il ginocchio.
Quando il ginocchio presenta un problema, frequentemente, il primo segno è rappresentato dal gonfiore cioè da un aumento infiammatorio del liquido sinoviale; inoltre la membrana sinoviale può andare incontro a malattie specifiche come per esempio l’artrite reumatoide.

Trackback URL for this post:

http://www.fisioterapia-riabilitazione.com/trackback/53

Colpo di frusta: considerazioni osteopatiche

L'Osteopatia è una disciplina di studio che si colloca nell'ambito della prevenzione e quindi una volta capito, attraverso il dialogo con la persona che presenta dei sintomi, che la natura di tali non sono patologie o degenerazioni dei tessuti o fratture ossee, si procede al racconto dettagliato dell'evento traumatico e da quanto tempo è trascorso dal trauma alla com
Inizio pagina

I contenuti e le notizie di Fisioterapia-riabilitazione.com vengono riportate per mero scopo conoscitivo dal Centro Fisioterapico Prisma S.r.l e non vogliono in alcun modo sostituire il parere di un fisioterapista. Autorizzazione Regionale n° 129 e P.Iva 02903640247